VLab Design

Old is gold

VLab Design è un concept brand focalizzato sul restyling e recupero creativo di arredi vintage in disuso, che attraverso operazioni mirate restituisce loro dignità estetica e funzionale, collocandoli in un mercato di cultori del vintage sempre più vasto e crescente. Non si può non riprendere la citazione letteraria sul website VLab, quasi il brand motto, di Ferzan Ozpetek in Mine vaganti: “Perché la vita non è mai nelle nostre stanze. Moriamo e poi torniamo, come tutto.” Nel ruolo di IT Manager, che comprendeva tra le altre responsabilità quella di Web & UX designer, Editorial designer, Social Media manager e responsabile della comunicazione aziendale, ho curato la brand identity VLab, il lancio di 2 website e 2 cataloghi ufficiali.

The comfort zone

Si dice che la chiave per la crescita professionale sia uscire dalla propria zona di comfort. Cimentarsi in cose nuove e nuove sfide. Quando la startup VLab nacque, mi ero laureato da un anno e da autodidatta studiavo materie e topic inerenti diversi campi del design e development. Social media, design editoriale ed eCommerce non soltanto erano al di fuori della comfort zone, erano nella terror zone. L’approccio al progetto era olistico, e riguardava campi molto diversi tra di loro ma in qualche modo collegati. Avevamo bisogno di un project plan.

Progetto VLab Design - Diagramma comfort zone terror zone - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer

.1

Research: brand identity

Il VLab in realtà esisteva da tempo, ma sotto forme diverse. È nato come un brand che sotto di sé comprendeva restyling creativo, eclectic clothing, mood e lifestyle. In questa fase, il restyling creativo era collaterale ma già in essere, e fungeva da background alle altre attività (primariamente il clothing). Il VLab Store divenne punto istituzionale in una città che ancora si affacciava ad uno stile diverso, precorrendo i tempi. Quando, dopo diversi anni, il focus del brand si spostò verso il restyling creativo, nulla era cambiato: prevalevano gli stessi ideali, le stesse linee essenziali di sempre, solo, su un target diverso. Il restyling del brand 2016 doveva in qualche modo raccontare 8 anni di idee, di studio e di evoluzione, spostare il focus su un nuovo target pur mantenendo la stessa anima. Come doveva cambiare? Un elemento imprescindibile dai cambiamenti è la “V” di “VLab”, di “V”alerio Rinaldi, resa in pulsazione di segno vitale. Lievi rivisitazioni ai tratti, per renderli più puliti e morbidi, accompagnati da un nuovo font Art Decò dalle linee geometriche ed eleganti, simbolo della modernità applicata al classico, delle tecnologie, stili e materiali di nuova generazione traslati al mobilio antico. Un brand eclettico, maturo ma giovane, capace.

Progetto VLab Design - Visione frontale dall'alto del draft precedente dei biglietti da visita aziendali - Portfolio di Gianluca Rinaldi
Progetto VLab Design - Visione frontale dei biglietti da visita aziendali - Portfolio di Gianluca Web Designer
Progetto VLab Design - Cover della pagina progetto VLab Design raffigurante rendering di biglietti da visita - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer
Progetto VLab Design - Close up logo embossed carta intestata - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer
Progetto VLab Design - Etichetta prezzo mobili esposti - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer
Progetto VLab Design - Catalogo prodotti 2018 (copertina) - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer
Progetto VLab Design - Catalogo prodotti 2018 (interno) - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer

.2

WebsiteED.1

Il website era eco del carattere tecnico e moderno del brand. Sviluppato in modo artigianale, in emulazione al core del brand, adottava tecnologie e strutture sperimentali di ultima generazione, senza però abbandonare la sua venatura classica, resa da una scelta attenta del font ed elementi decorativi secondari. La struttura in parallasse e griglie masonry aggiungevano complessità al layout mantenendolo allo stesso tempo semplice e intuitivo.

Progetto VLab Design - Homepage del vecchio sito VLab - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer
Progetto VLab Design - Pagina categoria prodotto del vecchio sito VLab Design - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer
Progetto VLab Design - Hero section della pagina prodotto del vecchio sito VLab - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer

Un aspetto fondamentale del sito riguardava le fotografie dei prodotti. Sapevamo che un ostacolo importante da vincere per l’utente era di poter visualizzare il mobile. Comprenderne la struttura, i suoi pregi, difetti, ingombri. Poterlo immaginare inserito nel proprio salotto, camera da letto o studio. Ogni prodotto è stato fotografato in 4 / 8 angolazioni per catturare ogni dettaglio utile. A completare la descrizione le immancabili dimensioni spaziali. Ogni foto è stata successivamente post-processata in Photoshop e lavorata per ottenere una qualità accettabile su web pur mantenendo una risoluzione elevata (circa 2K), per bilanciare necessità estetiche e performance del sito. Una lightbox attivata dall’utente consente poi di esplorare ciascuna foto a pieno schermo in ogni suo dettaglio. Le miniature dei prodotti invece, essendo più piccole per imposizione del layout, si accontentano di una qualità placebo in favore di prestazioni più elevate.

Progetto VLab Design - Pagina prodotto Comodalì del vecchio sito VLab Design - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer
Progetto VLab Design - Lightbox della pagina prodotto Comodalì sul vecchio sito VLab, dove ogni foto può essere visualizzata ingrandita con la sua descrizione - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer

.3

WebsiteED.2 + eCommerce

A qualche giorno di distanza dal lancio del sito abbiamo raccolto una serie di feedback positivi per la semplicità della navigazione e il design appetibile ai consumer. Spinti dalla validità del progetto, nasceva in noi l’idea di ampliare il business in modo organico, sfruttando i canali disponibili e riducendo la necessità di budget elevato. Una tra le soluzioni migliori era vendere i prodotti VLab attraverso il sito, tramutandolo di fatto in eCommerce: si sarebbe integrato bene nel project plan esistente, perché i canali social avrebbero offerto supporto grazie a DEM targetizzate per portare i consumatori direttamente sull’eCommerce. Nella pratica, però, era molto più complesso.

3.1 — Il problema

Il website era stato sviluppato artigianalmente, in HTML. Per chi non mastichi web developing, l’aggiunta delle funzionalità eCommerce a un sito esistente scritto in HTML comporta dover creare o utilizzare un codice incompatibile con la struttura di partenza. Quasi incompatibile. L’aggiunta è comunque possibile, ma il lavoro e la complessità che comportano l’integrazione di queste funzioni è molto elevato, e nel nostro caso era aggravato dal fatto che il codice doveva essere aggiunto manualmente a 120 pagine HTML divise nelle due lingue disponibili sul sito (IT e EN). Non considerando inoltre che il codice in questione deve seguire tutte le fasi di analisi e testing, che in contesti di produzione possono richiedere sino anche a diversi mesi.

3.2 — La soluzione

Scartata l’idea dell’integrazione, una seconda ipotesi vedeva l’apertura di un nuovo dominio (o sottodominio) specificamente pensato per lo shop VLab. Considerando però che sottraendo la sezione dedicata allo shop il website sarebbe stato troppo scarno e sostanzialmente privo di contenuti da offrire, anche questa opzione fu scartata. Rimaneva l’ultima soluzione, distruttiva sotto certi versi: il redesign.

3.3 — Pre-fase

Il redesign del sito attuale era motivato da un’unica importante scelta: migrare i contenuti VLab su una piattaforma non soltanto compatibile, ma anche facilmente utilizzabile con le principali soluzioni eCommerce presenti sul mercato. La scelta più ovvia ricadde su WordPress, che disponeva nel suo arsenale di un software eCommerce chiamato WooCommerce, integrato in un ecosistema di plugin che potevano arricchire grandemente l’esperienza di acquisto. La fase successiva comportava la migrazione del sito su WordPress. Adottare lo stesso layout, design e funzioni non era possibile: avrei dovuto operare un redesign stilistico compatibile con le nuove funzioni eCommerce.

Approcciai un metodo user-centered basato sulle necessità primarie dell’utente. Negli ultimi anni è emersa una tendenza crescente all’acquisto tramite mobile, e alla navigazione mobile in generale: in quest’ottica, il redesign doveva consentire performance e usability top tier per anticipare quanto possibile la tendenza, e risultare competitivi in un mercato saturo. Il nuovo layout avrebbe favorito un approccio più immediato al prodotto, eliminando contenuto superfluo e jargon aziendale, per una semplicità d’acquisto e navigazione maggiore. Lo schema di navigazione sarebbe stato semplificato, riservando al menu principale l’accesso alle aree che secondo studi condotti sulle visite al precedente sito si erano rivelate maggiormente importanti, e riservando alla navigazione secondaria le aree complementari. Molte delle decisioni estetiche del primo website sono state riversate nel nuovo eCommerce, perché mostratesi sinergiche ai valori del brand e rappresentative del suo immaginario stilistico.

L’esperienza di acquisto doveva essere semplice e intuitiva. Diversi studi hanno preceduto le soluzioni attuate nell’impianto eCommerce: usability, tendenze, psicologia e accounting. La struttura è nata per supportare il business VLab nelle sue necessità ed essere semplice per il cliente. Un forte accento è stato posto sulle performance, per garantire tempi di caricamento minimi e un accesso più rapido a ciascun prodotto, anche in condizioni di scarsa connessione. Il layout delle pagine prodotto è stato studiato per mantenere sempre attiva la sezione informativa e attivare lo scrolling delle immagini prodotto, per avere sempre a disposizione le informazioni mentre se ne osservano le caratteristiche fotografiche. Copy curate, altamente descrittive e ricche di informazioni accompagnano ogni prodotto per fornire all’utente ogni informazione utile. Un sistema complesso lato backend determina per ciascun prodotto un calcolo di spedizione completo che tenga conto anche del valore assicurativo del pezzo. Infine, al checkout, le informazioni sono state segmentate e riorganizzate in pannelli consecutivi per ridurre il cognitive loading e rendere più semplice l’immissione delle proprie informazioni.

Progetto VLab Design - Lightbox della pagina prodotto Nude sul sito eCommerce VLab, dove ogni foto può essere visualizzata ingrandita con la sua descrizione - Portfolio di Gianluca Rinaldi Web Designer

Già presente nel primo website, un ultimo aspetto ha richiesto una considerazione importante: la personalizzazione dei prodotti. Molti dei prodotti VLab, seppur finiti, possono essere personalizzati su richiesta del cliente. La personalizzazione, in base al prodotto, può svilupparsi su più livelli: materiale di base, imbottitura, tappezzeria, verniciatura. Una serie troppo ampia di variabili, possibilità e logiche complesse da prevedere in un’interfaccia semplice quale volevamo creare e mantenere. La decisione per questo aspetto specifico è stata di lasciare la richiesta di personalizzazione ad una mail diretta. In questo modo la comunicazione con il cliente assume un tono più personale, coinvolgendolo dagli inizi nella fase di customizzazione del suo prodotto.

Last words

L’eCommerce VLab è stato lanciato nel mese di dicembre 2016, a 3 mesi di distanza dalla pubblicazione del primo website VLab. Ha richiesto 1 mese di sviluppo, e coinvolto attivamente tutto il team. Il brand ha ricevuto articoli dedicati su web e print da Domus, Corriere Living, Elle Decor, Marcopolo e Corriere della Serax

FollowIns.Lin.
...

This is a unique website which will require a more modern browser to work!

Please upgrade today!